Pages

martedì 22 febbraio 2011

La magia del vetro

"E’ TUTTO di vetro, come una serra, ma mille volte più grande.
Tu stai dentro ed è come star fuori... però sei dentro! Non c’è bisogno di spiegare NIENTE alla gente, la gente lo sa che quella è una MAGIA.

È la magia del VETRO... proteggere SENZA imprigionare... stare in un posto e poter veder ovunque, sentirsi dentro e sentirsi fuori, contemporaneamente...

Il vetro fa il miracolo, la magia…

Entrare in un posto e avere l’impressione di uscire fuori.
Essere protetti DENTRO qualcosa che NON impedisce di guardare ovunque, lontano.
Al sicuro eppure liberi…avere un TETTO e vedere il CIELO, questo è il miracolo, e a farlo è il vetro, solo il vetro.


Io metto pezzi di mondo sotto vetro perché quello è un MODO di salvarsi.
Si rifugiano i desideri, lì dentro… al riparo dalla PAURA… una TANA meravigliosa e trasparente."


Così è la MIA bolla di vetro.
Sospesa nel vento, brillante, leggiadra, libera nell'aria, pura nella sua trasparenza, delicata, IMPERMEABILE, solitaria.
Gli occhi possono guardare lontano, e spiare l'infinito.

Mi infilo nella mia bolla di vetro e SPARISCO a volte sulla vetta più alta di una montagna al centro di un infinito spazio (In questa foto sono in Grecia, sulle Meteore. Rocce sospese in aria, tra la terra e il cielo, uno spazio incantato dedicato al silenzio e alla meditazione) altre volte salpo verso il mare. In mare aperto "la musica ha il suo ritmo, l’immensità ha il suo, ogni cosa si chiarirà in mare, lì si trova il TEMPO di distinguere il VERO da ciò che NON lo è".

Rumori ovattati. "Il frastuono rimbalza sulle pareti di vetro, torna indietro, gira nell'aria."
La pioggia tutt'intorno. Ma non ti bagna. Tu senti solo il rumore che fa. Io adoro il rumore della pioggia che batte sui vetri...

La mia bolla di vetro è il mio spazio vitale. Ed anche il mio temporaneo BISOGNO di protezione, di invisibilità, di silenzio, di solitudine, di oblio. Quando sono nella mia bolla vorrei che NESSUNO la infrangesse.

Il bisogno di stare da sola. Un bisogno naturale, un bisogno che non mi va di giustificare, un bisogno"semplice come un raggio di sole, normale come l’azzurro del cielo" . Non si chiede ad un gabbiano addomesticato perchè ogni tanto provi il bisogno di sparire verso il mare aperto.
Ci va e basta
."

Notte...

14° Perlina

Vetro sul cuore - Giorgia

martedì 15 febbraio 2011

Vietato invecchiare DENTRO, ma FUORI??

Già, fuori?

Sulla scia del Post precedente, ora la riflessione è QUASI d’obbligo!
Ci pensavo proprio sabato mattina, seduta sul divanetto di un centro estetico, in attesa della mia mensile, disperata e VANA (uff!) pulizia del viso.

Sono sola. Ma... mi sento osservata.
Alzo gli occhi...
Eteree quindicenni... belle, impeccabili e perfette dall'alto dei loro cartelloni pubblicitari, mi  guardano e mi “suggeriscono” senza tregua di contrastare i segni del tempo:  fatti tatuare le sopracciglia, combatti l’invecchiamento! Stira qui, lifta qua, allunga e arriccia le ciglia, conquista uno sguardo più GIOVANE! gonfia lì, sgonfia là, ferma il TEMPO! Mantieni una pelle giovane! Spiana a destra, scolpisci a sinistra! Ricostruisci le unghie delle mani e pure quelle dei PIEDI, NASCONDI l’età, sbianca! tingi! strappainfoltisci! Tira su! SU! Più suuuu!! Botulinizzati! Tonificati! Siliconati! Liposuzionati! rivela la tua GIOVINEZZA cellulare!

La mia giovinezza cellulare?! °_O
Mi guardo le mani, mi specchio… sorrido. Due rughette intorno alla bocca… una rughetta d’espressione sulla fronte… due zampette di gallina… un ciuffetto di capelli bianchi… 
Dio MIO!  Sembro quasi una trentottenne! Se continuo COSÌ tra un paio di anni dimostrerò 40 anni!!
....AZZ...
Ma io SONO una trentottenne! Tra due anni li AVRÒ 40 anni!

Sto dunque invecchiando? Impossibile. Inaccettabile. Non IO!
Torno a casa.
Accendo il PC.
Avvio il Browser.
Google.
Invecchiamento.
Cerca.
… … ...
Trovo qui questa definizione: "Da molti punti di vista si può considerare il naturale processo di invecchiamento come la PRIMA malattia incurabile che si "contrae". E’ noto che l’invecchiamento è da solo causa sufficiente per determinare un’alterazione strutturale e funzionale degli organi vitali così grave, da risultare, superati certi limiti, incompatibile con la vita."

I... I... Incompatibile con la VITA? Dio Mio… sto... MORENDO? Le MIE cellule stanno ammuffendo come i limoni nel mio frigo!
DEVO tornare di corsa al centro estetico! devo trovare L’ANTIDOTO! Si... l'elisir dell'eterna Giovinezza! In fondo non è così che ci vogliono tutti? Giovani e belle. Tutti! Lo dicono TUTTI: la televisione, il mondo dello spettacolo, la pubblicità, il mondo del lavoro, le case farmaceutiche, i giornali ecchipiùnehapiùnemetta!: 

"VIETATO INVECCHIARE"

Vale un pò per TUTTI, ma soprattutto per NOI donne. Alle donne non si perdona la vecchiaia. Superfluo fare esempi. Non ce n'è bisogno.


Al di là dello scherzoso attacco di panico da ossessione estetica, non mi piace invecchiare, ma NESSUNO mi impedirà di farlo!!  
E nessuno mi farà sentire in COLPA perché c'ero nell'82 quando l'Italia ha vinto i mondiali.
Continuerò a mantenermi in forma, a farmi le inutili pulizie al viso, qualche mascheretta tonificante, la ceretta e la manicure... ma "l'esasperazione isterica" NO

Si racconta che Anna Magnani al truccatore che le stava preparando il viso, disse: “Le rughe non me le coprire. Ci ho messo una vita a farmele venire”
Ogni ruga è un sorriso, una lacrima, un dolore, un segno che il tempo, la vita, l'esperienza ti ha lasciato per ricordarti che stai vivendo.

C'è un confine molto netto tra avere cura di noi stesse e voler essere Dorian Gray a tutti i costi.
"Ho perso un po' la vista, molto l'udito. Alle conferenze non vedo le proiezioni e non sento bene. Ma penso più ADESSO di quando avevo vent'anni. Il corpo faccia quello che vuole. Io NON sono il corpo: IO SONO LA MENTE." Rita Levi Montalcini
Ora, chiamatela VECCHIA, se ne avete il coraggio! 


La Toni

13° Perlina

Spalle al muro - Renato Zero

mercoledì 9 febbraio 2011

C'è tempo per ogni cosa?

Oppure c'è UN tempo per ogni cosa?
Perché è diverso! Un articolo indeterminativo in più o in meno può stravolgere il senso di una frase, o della vita. Cosa significa esattamente "Esiste un tempo per tutto"?

Che, come ci insegna la Bibbia "vi è un tempo per ogni faccenda sotto il cielo, c’è un tempo per nascere e un tempo per morire, un tempo per seminare e un tempo per raccogliere…ecc ecc ecc..."?
Significa quindi, CHE per ogni cosa c`è il SUO preciso momento, il SUO preciso tempo, la SUA precisa stagione?

Ok. Mi sta bene. Almeno fino a che intendiamo le parole “momento-tempo-stagione” nel senso più "cronologico"ed "anagrafico" (si può dire?) dei termini. Tipo... il momento migliore per la semina del grano è a novembre, a settembre è tempo di vendemmia, la stagione delle fragole va da aprile ad agosto.

Al dì la della "metafora vegetariana", quello che sto confusamente cercando di dire è che è vero che nella vita di una persona esistono fasi naturali che vanno rispettate, ma non è sempre così facile INDIVIDUARLE. Stabilire nettamente quando una stagione della vita finisce e quando ne inizia un'altra, capire quando è tempo di fare una cosa e quando invece sarebbe meglio concentrarsi su un’altra. A volte ti accorgi del “momento giusto” nel momento esatto in cui è passato

Arrivi in ritardo alla stazione e perdi per un soffio il treno. Cosa fai? Resti fermo lì a guardare che si allontana senza di TE o ti rimbocchi le maniche e provi a vedere se è possibile prendere il successivo?
È vero che ci sono treni che passano una sola volta nella vita, che non rallentano o ti aspettano mentre tu decidi se è cosa buona e giusta salirci su.

Si possono incontrare millemila ostacoli che possono impedirti di fare "le cose a tempo debito". In questo caso?
A me piace credere (o illudermi?... mah!) che esista una seconda possibilità. Forse anche perché probabilmente, per una serie di vicende troppo lunghe e noiose da spiegare, mi ritrovo ad essere una di quelle persone che come dice Andrea"Vuole semplicemente rifarsi del tempo perduto, avere una seconda opportunità dalla vita".

Se una ottantenne si iscrive all’università, inizia a fare uno sport, va il sabato sera a ballare… ben venga!
Per continuare con la metafora vegetale, si possono trovare le FRAGOLE nei supermercati anche a dicembre, non avranno lo STESSO sapore di quelle che raccogli a maggio. Ma.. meglio una fragola fuori stagione piuttosto che non sapere che sapore abbia.

Trovo giusto se non addirittura coraggioso recuperare, ricreare il "momento giusto", l'occasione mancata, riscattare il tempo "rubato" o "perso" (quando questo è possibile, OVVIO) e non precludersi esperienze solo perché anagraficamente fuori tempo massimo. In fondo "Solo dopo la morte siamo fuori tempo massimo". O NO?! °__O

12° Perlina

C'è TEMPO - Ivano Fossati



martedì 8 febbraio 2011

Non c'è due...

Senza TRE!

Devo dire che l’iniziativa di questi Awards è davvero carina, un modo simpatico di far girare le informazioni nella Blogsfera, un modo per esprimere STIMA e apprezzamento verso  i Blogger o le Blogger che ci sono più cari, quelli che con le loro parole ci fanno emozionare, sorridere, riflettere...

Un modo per comunicare, condividere le proprie idee ed avere nuovi spunti di riflessione.

Io li interpreto in questo modo.
Ed è così che accetto con vera gioia e gratitudine il "Kreativ Blogger Award" regalatomi dalla dolcissima Giulia, una ragazza che trasmette puro entusiasmo attraverso le sue parole, una persona stupenda! Fate un salto nel suo Blog e poi ditemi se non è vero!

C'è chi le chiama Catene di sant'Antonio... ma se danno la possibilità di conoscere persone come Giulia, o come Figlia della Luna, Cosimo, Lorenzo, Andrea, Francesca, Marta... allora... benvenute "Catene"!

Intanto io vado a ritirare il MIO premio e lo rigiro virtualmente a tutti ma proprio TUTTI i blog che seguo, a TUTTI i miei meravigliosi followers e a TE che sei entrato ora, per la prima volta nel mio piccolo mondo.
e... anche a Chiara.. o Chiara Luna o chiunque tu SIA. Ah! dimenticavo! Ho seguito il tuo consiglio! Almeno la PRIMA parte!! ;)

11° Perlina

R. Cocciante - Un nuovo amico

domenica 6 febbraio 2011

Premio "Stylish Blogger Award"

E dopo il SunShine Award… è arrivato graditissimo il premio “Stylish Blogger Award”!

Ringrazio per il gentile pensiero Francesca di “La contorsionista di parole” una deliziosa chicca della blogosfera che consiglio a tutti voi di visitare.
Le REGOLE dell'Award prevedono che IO vi parli di me in 7 punti.
Ed ecco la parte più difficile. Perchè... ecco...io non so parlare di ME!
Non ne sono proprio capace… quando inizio a parlare di me divento una specie di “Forrest Gump Virtuale”, e allora lascio che siano le parole di un POST a trasmettere la mia essenza, lascio che siano le parole di una CANZONE a parlare per me, una poesia, una fotografia, la scena di un film, possono davvero dire tanto a CHI sa ascoltarti col cuore.

Ma BANDO alle ciance, le regole SONO regole! :)
Vediamo... 7 cose su di me…
suppongo che non si possa fare copia e incolla da QUI e da QUI, giusto? Dai! Lì c’è già TUTTO su di me! Ok.. Ok.. vado, cos’è che non ho ancora detto. Allora:
1. Odio le cimici! S-C-H-E-R-Z-O!! (Questo era per la mia Amica nonché assidua Lettrice del mio blog, Elisa) Ciao ELI!!! So che ora starai dicendo: “Tony, sei una Scoriaaa!!”

Sarò SERIA:
1. Ho adottato una Bimba a distanza. Si chiama AWA, ha 11 anni e vive nel Mali con la sua famiglia. Sulla busta con la quale mi hanno inviato tutta la documentazione c’era scritto: “Adozione a distanza. DUE vite che cambiano per sempre…”.
Perché DUE?! Ho pensato! Ma mi hanno assegnato due bambini?
Ho aperto la Busta, ho visto gli occhi dolcissimi di Awa ed ho capito. Due vite.. perché… una è la MIA…

2. Una parte di me vuole volare, ed una parte vuole rimanere ancorata a terra. Una parte di me getta la spugna ed una parte di me con grinta la raccoglie. Una parte di me vede solo nero ed una parte di me vede solo bianco. Io cerco di tenerle in armonia. Perché "le cose più belle stanno in equilibrio"

3. Ho MOLTI conoscenti e POCHI amici. Per colpa MIA. Non sono capace a trattenere un’amicizia, mi scivolano tutte via, come sabbia tra le mani. E’ perché sono un A.A.A. (A.nimale A.sociale A.himè), ed anche perché sono terribilmente selettiva, è FATICOSO entrare nel mio cuore. Ma chi ci ENTRA difficilmente ne ESCE, e… chi ne ESCE… difficilmente ci RIENTRA!

4. A volte sento il bisogno di stare da SOLA. Mi serve spazio, tempo e solitudine per pensare o per NON pensare, per fare e per disfare, per essere e per NON essere. Sola. Tutto qua.

5. Mi emoziono per QUALSIASI cosa… ed ho pure l’umore INSTABILE! Ci sono dei periodi in cui sarei capace di mettermi a piangere perché ho finito lo Yomo al malto (è il mio preferito!) o perché mi si sono slacciate le scarpe ed altri che mi ritrovo a ridere ridere RIDERE per… NIENTE! Preoccupante

6. Quando ho SONNO comincio ad arrotolarmi i capelli e CHIUDO i pollici all’interno dei pugni… Qualche volta (ma non lo dite al mio maestro!) lo faccio anche a karate…MA no arrotolarmi i capelli!! Il pugno col pollice all’interno!! Santa Pupattola!! Dicono che sia una inconscia posizione di chiusura verso il mondo (ahahah! da buon A.A.A.! non poteva essere altrimenti!)...credo che sia utilizzata anche in qualche posizione Yoga.. Vabbè. Comunque sia .. NON LO DITE AL MIO MAESTRO!

7. Vorrei dedicare questo ultimo punto alle SPLENDIDE persone che ho conosciuto (poco o molto…) attraverso lo strumento BLOG. Dietro ad un semplice “Template” può nascondersi una persona davvero meravigliosa… Ed è a queste persone, che dedico a mia volta il premio “Stylish Blogger Award”:
con il solito Rigoroso "Ordine Sparso"
Solamente me stessa della mia cara amica Figlia della Luna. Un piccolo mondo incantato.
Prove Tecniche di Sogni di Marta Traverso. Ho visto che è stata premiata anche da Francesca, ma non potevo fare altrimenti. Mi piace troppo quello che scrive. 
Nature & Fishing Photos di Mauro Barbacci . Foto che tolgono il respiro!
Diario di bordo di Lorenzo. Un Blog che"Spiega le vele al vento della Vita"
L'Odorosa Pantera di Giulia Giarola, una ragazza che "conosco" da poco ma con cui ho già capito di avere parecchie cose in comune!

SPAZIO PERSONALE di Andrea che con queste parole mi ha dato l'ispirazione per il prossimo Post.
Turista di mestiere di... (Sai che non so il tuo nome?) Perchè non le ho detto quanto mi piace il suo Blog e questa mi sembra proprio una simpatica occasione.

Ok, ragazzi... Ora tocca a voi...
10° Perlina

Negramaro - Quel posto che non c'è

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...