venerdì 18 ottobre 2013

Come una... mosca travestita.

"Una mattina ero a casa per un mal di testa finto e ho visto in televisione un documentario sugli insetti imitatori.
Da qualche parte, ai tropici, vive una mosca che imita le vespe.
Ha quattro ali come tutte quelle della sua specie, ma le tiene una sull'altra, così sembrano due.
Ha l’addome a strisce gialle e nere, le antenne e gli occhi sporgenti e ha anche un pungiglione finto.
Non fa niente, è BUONA.
Ma, vestita come una vespa, gli uccelli, le lucertole, persino gli uomini la temono.
Può entrare tranquilla nei vespai, uno dei luoghi più pericolosi e vigilati del mondo, e nessuno la riconosce.
Avevo sbagliato tutto. 
Ecco cosa dovevo fare. 
Imitare i più pericolosi."

[Niccolò Ammaniti -  Io e te]


Fabri Fibra e Neffa - PANICO

2 commenti :

  1. Ciao.
    Ce ne sono parecchie anche da noi,magari non così brave....in ogni caso abbastanza da far in modo che umani poco entomologici non diano loro fastidio.
    Sicura fosse un dittero? Le mosche (e le zanzare) fanno parte dei ditteri ovvero insetti a 2 ali,sono le vespe e gli altri imenotteri ad averne 4.
    Tra le altre cose sono imenotteri anche le formiche.
    Benedizioni.

    RispondiElimina
  2. Imitatrice o no, mi fa venire un infarto lo stesso!!!
    Il problema tra essere forti e fingere di esserlo è che la seconda scelta viene sgamata, quando il gioco si fa duro. Conviene di più crearsi un vero pungiglione, che non sia per forza il più doloroso e velenoso di tutti, ma che sappia comunque difendere dignitosamente.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...