domenica 7 novembre 2010

La principessa che credeva nelle favole

Vi ricordate di quando eravamo piccoli e credevamo alle favole?

I nostri sogni erano così reali che potevamo toccarli: il principe azzurro, (o la principessa!!), il cavallo bianco, il castello fatato, il lieto fine e l'immancabile "E vissero per sempre felici e contenti"... si! sarebbe stata PROPRIO così la nostra favola.

Col tempo si cresce, un bel giorno apri gli occhi e ti accorgi che le favole NON ESIST...

Nooo! Non posso dirlo! Non IO! Io SONO una principessa! e DEVO credere nelle favole... perchè le favole ESISTONO!
perché il lupo cattivo esiste...
perchè i draghi esistono ...
perché i cavalieri dall'armatura luccicante esistono ...
perchè esistono le fatine che accorrono appena tu le chiami...
perchè capita a tutti di perdersi nel bosco come Pollicino o come Hansel e Gretel
perchè esiste il Paese delle Meraviglie...e l'Isola che non c'è....
perché esistono le MELE avvelenate e tu non puoi fare NULLA per evitare di mangiarne almeno una nella vita... nulla.

Le favole esistono! Magari sono LEGGERMENTE diverse da come le sognavamo da bambini, ma esistono.
E il Principe Azzurro e La Principessa delle favole?

FORSE esistono anche quelli!
Ho detto forse!
L'importante è ricordarsi che non è tutto azzurro ciò che somiglia al cielo e che non basta incrociare lo sguardo di uno sconosciuto ed illudersi che sia proprio lui il nostro Principe... o lei la vostra Principessa!
"Ma allora?" come si fa a riconoscerli?
Nel libro che ho appena finito di leggere, l’autrice Marcia Grad Powers, dice che ci riusciremo attraverso la purezza del loro spirito e grazie al grande cuore che dimostreranno di avere. O_o .... Mmmmm.


"E non dimenticate la simpatia" dice ancora l'autrice.
"La simpatia?"
"Si perchè non puoi amare chi non ti piace. Questo significa saper apprezzare una persona così com'è, e non desiderarla come TU VUOI o hai bisogno CHE SIA […]  E se soffri più spesso di quando sei felice, vuol dire che NON è amore, ma qualcosa di differente che ti tiene intrappolata in una sorta di prigione […]"

Il titolo del libro è "La principessa che credeva nelle favole". Il sottotitolo che è stato dato alla versione italiana è molto più eloquente: "Come liberarsi del proprio principe azzuro". J
No tranquilli... non è il manuale del delitto perfetto!! ahahah! Ma è una favola che va dritta al cuore. La storia di un viaggio dentro le emozioni, i sogni, i desideri, per ritrovare il SEGRETO della felicità e del vero amore.

Qual è questo segreto? ritrovare la propria VIA, il proprio equilibrio, la propria verità, e quell'amore senza TROPPI compromessi che non conosce nè vittime carnefici.

L'ho letto d'un fiato, oggi, e l'ho sentito mio. Stavolta però non vi racconto la trama!

Vi svelerò soltanto che la protagonista, la Principessina Victoria, ferita dalla persona amata, lascia tutto e intraprende un viaggio alla scoperta di sè, tra il reale e l'immaginario attraverso "Il Sentiero della Verità", "Il Mare delle Emozioni", "La Terra delle Illusioni", "La Terra di ciò che è" si ritrova in compagnia di strani amici che la guidano sul sentiero verso se stessa.

Questi amici la aiuteranno a trovare le risposte, imparerà piano piano a distinguere la realtà dalle illusioni, a capire che ci vogliono sia il sole che la pioggia per fare un arcobaleno e a vedere il suo principe per quello che realmente è, spoglio di quell'alone MAGICO che le sue aspettative, i suoi desideri e le sue illusioni gli avevano conferito.

Saper sognare è un DONO, ma il sogno può diventare una gabbia dorata se per realizzarlo si accettano così tanti compromessi da perdere di vista la propria felicità.
Spesso le nostre stesse aspettative ci portano a trovare forzatamente in un’altra persona l'altra metà della mela, l'anima affine, l'anima che ci completa e senza la quale è impensabile se non impossibile vivere.
Può succedere a volte che, guardando quella persona alla luce della parte più profonda del nostro cuore, la verità ci si riveli diversa da come l'avevamo sempre percepita...

Ci potremmo trovare di fronte una persona che in realtà NON conosciamo, un estraneo che gioca un gioco che non ci piace, del quale non condividiamo le regole, uno straniero che parla una lingua sconosciuta che non riusciamo a capire...

Che fare allora? Mah! Io mi fermo qui. Leggetevi il libro!!!

La principessa non aveva mai preso in considerazione l'idea di poter vivere felice e contenta anche SENZA essere salvata da un coraggioso ed affascinante Principe Azzurro.
Non aveva mai neanche preso in considerazione l'idea di fermarsi ed osservare meglio quel ranocchio così poco principesco, che però riusciva a raggiungere le profondità del suo cuore con il suo dolce gracchiare. Un ranocchio senza scettro, né corona.

La fiaba termina con la parola "INIZIO"

Vi lascio un paio di frasi del libro:
"…Il mare e la vita hanno molto in comune ….rilassati, lasciati andare. Abbi fiducia nel fatto che resterai a galla, e ci starai. Se invece opponi resistenza, pensando che finirai sul fondo, ci andrai davvero. La scelta spetta solo a te.

"devi scegliere di essere felice e non di avere ragione..."

dal film "Pretty Woman"


1 commento :

  1. Bellissimo il tuo post, La Toni!!
    Il libro a me personalmente è piaciuto tantissimo perché racconta come si possa vivere oggi un sogno e aiuta le persone a imparare ad amare se stessi così come si è, accettando i propri difetti e valorizzando i pregi, e a non cercare di cambiare a tutti i costi per piacere a qualcuno.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...