martedì 28 settembre 2010

Corri Forrest.. Corri!

...Quindi, qualsiasi cosa succeda, è molto meglio mettersi a correre.
Fino a quando serve.
Fino a quando ci è permesso.

Forrest Gump correva per dimostrare al mondo il suo valore, la sua dedizione al lavoro, il suo desiderio di non arrendersi di fronte a nulla. Non mollava mai e niente e nessuno gli impediva di raggiungere i propri obiettivi.

C'è un pò di Forrest in tutti noi!
Non ci fermiamo mai, come lui siamo sempre di corsa.
Andare avanti.. sempre avanti senza mai fermarsi.

Tutto diventa una corsa contro il tempo. Il tempo scorre inesorabile e noi corriamo dietro a lui.
Non ci fermiamo mai. Di fronte a nulla. Corriamo, sempre più veloci, avanti ed indietro, ininterrottamente, sudiamo, sbuffiamo, inseguiamo le lancette dell’orologio con l'ansia di non arrivare, senza sapere dove, senza sapere perchè: “Sono di corsa!!”, “Devo scappare!!”, “Sono in ritardo”.

La velocità è la peculiarità dei tempi moderni.  Nell'indole umana si sta instaurando sempre più la "cultura della fretta". Una smania di frenesia esagerata.

Non voglio arenarmi in una sterile polemica su questo argomento, ne ho già parlato più volte...ma abbiamo davvero perso il controllo!

"Mettersi a correre fino a quando serve... fino a quando ci è permesso..." non significa mica sempre! Tutto il giorno! Tutti i giorni!

Siamo entrati in un vortice pericoloso dal quale facciamo fatica ad uscire. E la cosa più sconvolgente è che forse non ne siamo nemmeno consapevoli. Scambiamo per senso del dovere quell'ansia frenetica che ci attanaglia lo stomaco.
  
Dice un proverbio: non correre troppo in fretta: non puoi sentire il profumo dei fiori. E' vero! Correndo si perdono tanti dettagli importanti, tanti particolari, ci perdiamo il meglio degli altri e di ciò che ci circonda.

E allora RALLENTIAMO!! anzi! FERMIAMOCI proprio!
Lo so che ci hanno insegnato che “chi si ferma è perduto” e che è veramente forte e coraggioso solo chi non si ferma mai.

Ognuno di noi si pone un fine nella vita, una meta da conquistare, ed è necessario viaggiare per raggiungerla, siamo d'accordo.
Ma la strada per raggiungere il nostro obiettivo non sempre è facile, agevole, lineare e breve.

Durante il cammino potremmo incontrare un bivio... potremmo non riconoscere subito la strada giusta da prendere… non si può riflettere correndo.
Meglio fermarsi.. un poco.. e riflettere sulla scelta da fare. Magari potremmo evitare di pentirci e dover ritornare sui propri passi…

Ci sono momenti in cui non è possibile avanzare. In cui è non è possibile correre e nemmeno camminare, ci sono momenti in cui è più prudente, saggio e CORAGGIOSO fermarci. Già, coraggioso! Ci vuole coraggio a fermarsi in un mondo dove tutti vanno alla velocità della luce.. perchè rischi di essere travolto.

Fermarsi non è mollare il cammino.
Fermarsi non equivale a "fallire" la nostra missione. Prendiamoci tutto il tempo necessario.

Niccolò Fabi - La bellezza
"Sai che chi si ferma è perduto
ma si perde tutto chi non si ferma mai"


0 Riflessioni: :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...