martedì 22 febbraio 2011

La magia del vetro

"E’ TUTTO di vetro, come una serra, ma mille volte più grande.
Tu stai dentro ed è come star fuori... però sei dentro! Non c’è bisogno di spiegare NIENTE alla gente, la gente lo sa che quella è una MAGIA.

È la magia del VETRO... proteggere SENZA imprigionare... stare in un posto e poter veder ovunque, sentirsi dentro e sentirsi fuori, contemporaneamente...

Il vetro fa il miracolo, la magia…

Entrare in un posto e avere l’impressione di uscire fuori.
Essere protetti DENTRO qualcosa che NON impedisce di guardare ovunque, lontano.
Al sicuro eppure liberi…avere un TETTO e vedere il CIELO, questo è il miracolo, e a farlo è il vetro, solo il vetro.


Io metto pezzi di mondo sotto vetro perché quello è un MODO di salvarsi.
Si rifugiano i desideri, lì dentro… al riparo dalla PAURA… una TANA meravigliosa e trasparente."


Così è la MIA bolla di vetro.
Sospesa nel vento, brillante, leggiadra, libera nell'aria, pura nella sua trasparenza, delicata, IMPERMEABILE, solitaria.
Gli occhi possono guardare lontano, e spiare l'infinito.

Mi infilo nella mia bolla di vetro e SPARISCO a volte sulla vetta più alta di una montagna al centro di un infinito spazio (In questa foto sono in Grecia, sulle Meteore. Rocce sospese in aria, tra la terra e il cielo, uno spazio incantato dedicato al silenzio e alla meditazione) altre volte salpo verso il mare. In mare aperto "la musica ha il suo ritmo, l’immensità ha il suo, ogni cosa si chiarirà in mare, lì si trova il TEMPO di distinguere il VERO da ciò che NON lo è".

Rumori ovattati. "Il frastuono rimbalza sulle pareti di vetro, torna indietro, gira nell'aria."
La pioggia tutt'intorno. Ma non ti bagna. Tu senti solo il rumore che fa. Io adoro il rumore della pioggia che batte sui vetri...

La mia bolla di vetro è il mio spazio vitale. Ed anche il mio temporaneo BISOGNO di protezione, di invisibilità, di silenzio, di solitudine, di oblio. Quando sono nella mia bolla vorrei che NESSUNO la infrangesse.

Il bisogno di stare da sola. Un bisogno naturale, un bisogno che non mi va di giustificare, un bisogno"semplice come un raggio di sole, normale come l’azzurro del cielo" . Non si chiede ad un gabbiano addomesticato perchè ogni tanto provi il bisogno di sparire verso il mare aperto.
Ci va e basta
."

Notte...

14° Perlina

Vetro sul cuore - Giorgia

12 commenti :

  1. Ciao La Toni!!,
    vedo che la febbre l'hai chiusa in una bottiglia!!

    ..E poi il vetro può avere mille forme scelte solo da noi. Forme che possiamo cambiare sempre per sentirci ancora di più noi stessi.
    Anni fa ho scritto una lettera, su un foglio normale. Una lettera d'amore, con mittente e destinatario. L'ho arrotolata e l'ho infilata in una bottiglia di vetro. Una bottiglia di un liquore a forma di accennata mezza luna. Sono andato sul mare, era mosso, e l'ho lanciata in acqua il più lontano possibile. Sono rimasto a guardarla sino a quando non l'ho persa di vista. Mi sono sentito come se in quella bottiglia ci fossi stato io. Ho avvertito gli schiaffi del mare sul vetro. Mi sono visto persino ballerino a pelo d'acqua. Insomma una sensazione tanto indimenticabile, che ogni volta che vado in riva al mare, mi ritorna sulla pelle sotto forma di brividi puri. Ed ci io vado quasi quotidianamente!
    Buona notte:-))))

    RispondiElimina
  2. E' un bel sistema la bolla di vetro, purché ti ricordi che ce l'hai messa tu... sì perché c'è un sacco di gente in una bolla di vetro che non sa di esserci e non sa spiegarsi perché quando allunga la mano non riesce a toccare nulla...
    'notte!

    RispondiElimina
  3. Mi hai fatto venire in mente una bellissima frase di Simone Cristicchi: La verità è come il vetro che è trasparente se non è appannato, per nascondere quello che c'è dietro basta aprire bocca e dargli fiato!

    RispondiElimina
  4. Ciao cosimo!! diciamo che ho chiuso la febbre in...una bolla!! ;)
    grazie per le tue parole, sempre emozionanti...


    ciao enrica! già, un bel sistema... ma.. oltre a ricordarmi che ce l'ho messa io la bolla... devo ricordarmi anche di uscirne, ogni tanto! ;)


    Ciao Daniela! volevo mettere quella canzone come colonna sonora del post... poi ho optato per Giorgia, comunque Cristicchi è veramente grande!

    Un abbraccio a tutti voi e grazie per essere passati!

    RispondiElimina
  5. Si Toni.. ricordati davvero di uscire..

    Io pure qualche tempo fa mi son chiusa nella bolla.. è stato terapeutico! Belli i suoni ovattati, la pioggia che cade, bello il silenzio e la solitudine!
    E vedrai che quando uscirai.. vedrai la bellezza del mondo senza il filtro del vetro, amerai la pioggia sul viso e la compagnia di chi ti vuol stare vicino...
    Buon viaggio!!

    RispondiElimina
  6. Grazie Sara... promesso! me lo ricorderò... ;)

    RispondiElimina
  7. Un grande augurio per un fine settimana tra luci e sorrisi!!!

    RispondiElimina
  8. Ciao La Toni!! :) tornata da Roma giusto ieri posso finalmente passare a salutare anche te! :D molto belle le tue parole... mi piace il fatto che cerchi sempre di vedere le cose a tuo modo e da un punto di vista particolare... si vede molto che sei una persona sensibile e sei anche attenta ai particolari che ti circondano... complimenti davvero!!! questo pezzo che hai scritto l'ho sentito mio perché ho provato le tue sensazioni leggendolo... :) a presto cara amica!! :D

    RispondiElimina
  9. la bolla di vetro è il nostro rifugio, il luogo del silenzio, della riflessione, del confronto con noi stessi. Hai detto bene: l'importante è non viverci, ma intrufolarcisi ogni tanto.

    RispondiElimina
  10. grazie cosimo! sempre gentilissimo!! in ritardo per ricambiare gli auguri.. ti auguro una settimana superfrizzante! :)

    Ciao Giulia!! bentornata!! Ho letto che saresti andata a Roma! Spero che ti sia divertita!!
    Ultimamente sono un pò "assente"... me ne sto silenziosa silenziosa rintanata nella mia bolla.. Ma ti seguo sempre!! volevo farti i complimenti per il nuovo look del tuo blog! Mi piace proprio tantissimo!!
    Grazie per le tue parole... mi fanno sempre tanto tanto piacere.... un abbraccio!

    ciao TuristadiMestiere! il problema è che quando sono nella bolla il tempo scorre così veloce... passano giorni e non me ne rendo nemmeno conto... sono come minuti...

    RispondiElimina
  11. Ciao Toni.. latito da qualche giorno anche io, e tornando a trovarti scopro che anche tu (come me, come tanti) a volte hai bisogno di staccare la spina da tutto e tutti...

    Quindi ti auguro buon stacco, sono ansiosa di rileggerti presto!

    RispondiElimina
  12. Ciao Marta ! Che piacere risentirti...
    Hai detto bene, ho staccato la spina per un pò.. ogni tanto lo faccio, ne sento proprio il bisogno fisico.

    Grazie di essere passata!
    A presto!! un bacione

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...